Testo Unico del vino: cosa è e a che punto siamo

vendemmi meccanica 01 3

Il Testo Unico del vino è una proposta di raccolte di norme in grado di regolare la produzione e commercializzazione di vino in maniera univoca in modo da evitare la scarsa chiarezza di applicazione comportata dal susseguirsi di norme e leggi e semplificare l’attività delle imprese produttrici.

Il Testo Unico è stato approvato dalla Camera dei Deputati, e l’iter d’approvazione prevede adesso la sua proposta alla Camera del Senato.

Durante gli Stati generali del vino svolti il 28 aprile a Siena sono stati presentati i vantaggi che un Testo Unico comporterebbe al settore: ridurrebbe del 50% i tempi richiesti per le pratiche burocratiche, che ad oggi coinvolgono 20 diversi soggetti e incidono, in media, per 100 giornate di lavoro all’anno, rappresentando in totale il 20% del tempo di lavoro dell’impresa Vitivinicola.

Il Testo Unico si basa su novità in grado di snellire la burocrazia mantenendo gli elevati livelli di controllo ai quali è sottoposta la produzione vitivinicola italiana. Fra questi la digitalizzazione dei registri, la semplificazione degli adempimenti relativi alle planimetrie e il coordinamento degli adempimenti amministrativi.

Forte anche l’attenzione alla tutela del Made in Italy, con la proposta di rendere pubblici sul sito dell’agenzia delle dogane i dati sulle importazioni di vino e con interventi mirati a classificare i vitigni autoctoni e a promuovere il vino come patrimonio culturale nazionale.

Dopo l’approvazione del Testo Unico alla Camera dei Deputati, il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali ha commentato:

Il Testo unico è uno strumento fondamentale della nostra strategia di rafforzamento del vino italiano e del percorso di semplificazione burocratica.

È stato fatto un lavoro importante di sintesi e di innovazione alla Camera da parte dei deputati. Ora è importante andare avanti nell'iter parlamentare e arrivare presto alla sua approvazione definitiva. Lo dobbiamo a un settore che vale più di 14 miliardi di euro e in questi anni ha dimostrato di essere a tutti gli effetti un modello".