Il Lambrusco a Vinitaly 2024 con 16 produttori e tre appuntamenti in programma

Il Consorzio Tutela Lambrusco si prepara a partecipare a Vinitaly, il Salone Internazionale dei vini e distillati e manifestazione di riferimento per il settore che quest’anno è in programma a Veronafiere dal 14 al 17 aprile 2024. Come ogni anno Il Consorzio Tutela Lambrusco sarà presente all’evento nel Padiglione 1 dedicato all’Emilia-Romagna insieme ad una selezione di cantine del territorio, dalla provincia di Modena a quella di Reggio Emilia.

All’interno dello stand consortile (B4-C4) ci saranno 16 produttori che, presenteranno a operatori e professionisti italiani e internazionali le novità e le etichette più rappresentative delle sei DOC del Lambrusco: dal Lambrusco Grasparossa di Castelvetro al Lambrusco di Sorbara, dal Lambrusco Salamino di Santa Croce alle DOC Modena, Reggiano e Colli di Scandiano e di Canossa. Queste le cantine presenti nello stand del Consorzio Tutela Lambrusco, Pad. 1 stand B4-C4: Cantina di S. Croce, Cantina Settecani Castelvetro S.C.A., Cleto Chiarli, Corte Manzini, Fattoria Moretto, Quintopasso, Rinaldini, Soc. Agr. Garuti, Soc. Agr. Vezzelli Francesco, Tenuta Aljano, Tenuta Forcirola – Francesco Bellei & C., Tenuta Vandelli, Tenute Campana, Venturini Baldini, Villa di Corlo, Zanasi Società Agricola S.S. Altre aziende associate al consorzio saranno presenti in fiera con un proprio spazio autonomo.

Per approfondire le bollicine emiliane e le loro sfumature di gusto e di colore saranno in programma anche alcune degustazioni guidate riservate a operatori del settore e stampa. Martedì 16 aprile alle ore 12:30, il primo Master of Wine Gabrielle Gorelli condurrà una masterclass dedicata ai terroir, agli stili e al savoir-faire dei vini Lambrusco: un viaggio alla scoperta delle diverse espressioni delle bolle emiliane nel calice. 

Il calendario delle masterclass organizzate dal Consorzio Tutela Lambrusco non finisce qui. Il 15 aprile alle ore 12:30 in programma la degustazione “Cromoterapia emiliana” che accompagnerà i visitatori alla scoperta di due eccellenze del territorio emiliano, accostando i vini lambrusco in diverse denominazioni e il Parmigiano Reggiano in stagionature differenti. 

Ad arricchire ulteriormente il palinsesto, il 16 aprile alle 14:30 una tavola rotonda con assaggi dedicata alle nuove generazioni del Lambrusco porrà il focus su frizzanti e spumanti e sul loro consumo da parte dei più giovani. L’appuntamento, dal titolo “Lambrusco talks: giovani produttori e vini a confronto su bollicine e nuove generazioni” è organizzato da Assoenologi sezione Emilia in collaborazione con il Consorzio Tutela Lambrusco. Interverranno alcuni produttori di Modena e Reggio Emilia con la moderazione della consulente in digital marketing Sara Piovano.

Gli appuntamenti sono riservati a stampa e operatori e si terranno nella sala Masterclass del Padiglione 1. Per partecipare, fino ad esaurimento dei posti a disposizione, è possibile iscriversi ai seguenti form (è necessario essere già in possesso del biglietto di ingresso alla manifestazione):

Cromoterapia emiliana
lunedì 15 aprile ore 12:30

Rediscovering Lambrusco. Terroirs, styles, savoir-faire
martedì 16 aprile ore 12:30

Lambrusco talks: giovani produttori e vini a confronto su bollicine e nuove generazioni
martedì 16 aprile ore 14:30

Il Consorzio Tutela Lambrusco a fianco del Progetto Pilota “I Fagioli Ribelli” rivolto ai pazienti pediatrici con Malattia Renale Cronica

Tra le iniziative supportate dal Consorzio Tutela Lambrusco c’è anche “I Fagioli Ribelli”, progetto pilota di educazione alimentare dedicato ai bambini con Malattia Renale Cronica (MRC), patrocinato da SINePe (Società Italiana di Nefrologia Pediatrica) e delle Associazioni che si occupano di malattie renali pediatriche (Rete MA.RE.).

Nei piccoli pazienti affetti da MRC vi è una progressiva perdita di funzione renale, che può evolvere verso l’insufficienza renale terminale. Proprio nei casi di stadio avanzato, quindi, diventa necessario garantire sì l’apporto calorico necessario, ma utilizzando prodotti aproteici farmaceutici come pasta, pane e biscotti per evitare complicazioni mediche. Aiutare ad affrontare al meglio l’educazione alimentare dei bambini affetti da MRC è proprio l’obiettivo de “I Fagioli Ribelli”, il progetto nato dall’omonimo libro di Bruno Damini, che raccoglie ricette equilibrate indispensabili per le diete dei piccoli pazienti create da noti chef e artigiani dell’alimentazione – Gino Fabbri, Aurora Mazzucchelli, Matteo Calzolari, Mario Ferrara, Andrea Bandiera, Matteo Aloe, Massimiliano Poggi, Alberto Bettini, Armando Martini – in collaborazione con nefrologi pediatri, dietiste e psicologi.

Oltre a dare la possibilità di assaggiare piatti corretti dal punto di vista nutrizionale, belli alla vista e ottimi al gusto, “I Fagioli Ribelli” ha un altro obiettivo a livello nazionale dopo avere già coinvolto le più importanti nefrologie pediatriche italiane: creare una rete di chef specializzati nella produzione di preparazioni equilibrate per queste patologie così che l’inclusività possa entrare a tutti gli effetti anche in cucina.

Per ulteriori informazioni sul progetto “I Fagioli Ribelli”: www.ifagioliribelli.it

Accademia Italiana Vite e Vino: il 15 dicembre a Modena la “Tornata sul Lambrusco”

Un pomeriggio intero per approfondire le diverse espressioni dei vini Lambrusco, discutendo le prospettive future della viticoltura emiliana insieme all’Accademia Italiana della Vite e del Vino. Questi gli obiettivi della “Tornata sul Lambrusco”, appuntamento in programma venerdì 15 dicembre a Modena presso MB Center (Viale Virgilio 52/E) che vedrà la partecipazione di accademici e referenti di istituzioni e associazioni vitivinicole. L’evento, che inizierà alle ore 14 e si concluderà attorno alle 18:30, è organizzato dall’Accademia Italiana della Vite e del Vino con il supporto del Consorzio Tutela Lambrusco ed è dedicato alla figura di Cesare Intrieri, docente emerito della Facoltà di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell’Alma Mater Studiorum recentemente scomparso.

Coordinata da Rosario di Lorenzo, Presidente Accademia Italiana della Vite e del Vino La “Tornata sul Lambrusco” vedrà la partecipazione anche dell’Assessore regionale all’agricoltura e agroalimentare, caccia e pesca Alessio Mammi. Attraverso otto relazioni si parlerà dei vini Lambrusco nella loro varietà di stili e territori, per poi approfondire la viticoltura regionale con un focus sulla situazione fitosanitaria.

La partecipazione è gratuita previa registrazione all’indirizzo accademiaitalianavitevino@gmail.com entro il 12 dicembre e fino a esaurimento posti ed è possibile visionare l’intero programma dell’evento e gli interventi presenti sul portale dell’Accademia www.aivv.it.

“The Champagne & Sparkling Wine World Championships”: splendono i Lambrusco DOC

I vini Lambrusco, con le loro varie sfumature che nel calice si esprimono in un universo di interpretazioni variegate, si confermano ancora una volta tra le bollicine più apprezzate in tutto il mondo. È questo ciò che emerge dall’ultima edizione di “The Champagne & Sparkling Wine World Championships”, il concorso internazionale presieduto da Tom Stevenson, critico e tra i massimi esperti di spumanti. 

La competizione, che ha come obiettivo quello di promuovere non solo le etichette più affermate e conosciute, ma anche le produzioni più recenti e quelle provenienti dalle regioni meno note, ha consegnato ai vini DOC prodotti da 12 cantine del Consorzio Tutela Lambrusco ben 18 medaglie, di cui 6 d’oro e 12 d’argento

Con queste premiazioni, il ricco panorama del Lambrusco ha ottenuto un apprezzamento ancora maggiore rispetto allo scorso anno, in cui la bollicina emiliana aveva ricevuto 13 medaglie complessive. 
Qui è possibile vedere i vini premiati nella competizione “The Champagne & Sparkling Wine World Championships”: vedi

Il Lambrusco in nomination come regione vinicola dell’anno per i Wine Enthusiast Wine Star Awards 2023

I territori del Lambrusco sono candidati a regione vinicola dell’anno nell’ambito dei Wine Enthusiast Wine Star Awards 2023, il prestigioso riconoscimento conferito da Wine Enthusiast, una delle più autorevoli riviste internazionali del mondo del vino.

Ogni anno la testata premia le eccellenze internazionali, le aziende e i personaggi del mondo del vino che si sono distinti per una visione innovativa e per i traguardi raggiunti in tredici diverse categorie. Nel 2023, come unica realtà italiana in nomination nella categoria “Wine Region of the Year” (Regione vinicola dell’anno) ci sono anche i territori del Lambrusco, al centro di un percorso di rinascita e riscoperta. In lizza per il titolo altre quattro zone vitivinicole internazionali.

Tra le motivazioni della nomination, i Lambrusco vengono definiti “alcuni dei vini più intriganti del mondo”. Si specifica poi che l’areale ha visto un’esplosione del numero di giovani produttori che lavorano con la vasta e diversificata gamma di uve Lambrusco per creare vini di pregio che riflettono la lunga storia vitivinicola della regione.

Tra Modena e Reggio Emilia sono circa 10.000 gli ettari vitati dedicati ai Lambrusco. In queste terre, dalla pianura alla collina, si trovano i 70 produttori del Consorzio Tutela Lambrusco. Dodici le varietà della famiglia e ben sei le DOC che hanno la propria culla nelle due province: Lambrusco di Sorbara, Lambrusco Salamino di Santa Croce, Lambrusco Grasparossa di Castelvetro, Modena, Reggiano e Colli di Scandiano e di Canossa.  

Per ulteriori informazioni: https://www.wineenthusiast.com/culture/industry-news/wsa-nominees-2023/

Il CONSORZIO TUTELA LAMBRUSCO DONA UN DEFIBRILLATORE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA

Il Consorzio Tutela Lambrusco ha donato un defibrillatore alla Camera di Commercio di Modena: un gesto che, attraverso una corretta formazione, può contribuire alla gestione ottimale di situazioni di emergenza.

Il dispositivo è stato messo a disposizione della struttura del Palatipico, che oltre al Consorzio Tutela Lambrusco, ospita le sedi dei Consorzi e delle società agroalimentari del territorio: Valoritalia, Piacere Modena, Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano, Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, Consorzio del Prosciutto di Modena.

L’iniziativa è nata con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della salute e della prevenzione, attraverso la donazione di uno strumento basilare, ma al contempo fondamentale per salvare la vita umana in caso di arresto cardiaco. Con questa motivazione, il Consorzio Tutela Lambrusco oltre alla donazione del defibrillatore, ha offerto una formazione specifica a tutti i dipendenti dei Consorzi agroalimentari e delle società che lavorano presso il Palatipico, in modo tale da prepararli nell’eventualità di un’emergenza.

Alla consegna dell’apparecchio erano presenti Giuseppe Molinari – Presidente della Camera di Commercio di Modena, Fabrizio Bruni – direttore generale di Tecnolife srl, fornitore dell’apparecchio e formatore ed infine Claudio Biondi – Presidente del Consorzio Tutela Lambrusco.

GAMBERO ROSSO ACADEMY: UN TOUR PER CONOSCERE LE DENOMINAZIONI DEL LAMBRUSCO

Il Consorzio Tutela Lambrusco farà tappa in cinque città italiane per un tour organizzato in collaborazione con Gambero Rosso dal nome: Tutte le sfumature del Lambrusco DOC.
I diversi incontri vedranno le bollicine emiliane protagoniste di Wine Tasting e Masterclass volte ad approfondire le seguenti denominazioni: Lambrusco di Sorbara DOC, Lambrusco Grasparossa DOC, Lambrusco Salamino di Santacroce DOC, Lambrusco Reggiano DOC, Colli di Scandiano e di Canossa DOC, Lambrusco di Modena DOC.
Nel corso del tour, gli ospiti avranno l’opportunità di conoscere e degustare i vini delle cantine: Ventiventi, Paltrinieri, Cantine Cavicchioli & Figli, Giacobazzi, Cleto Chiarli, Cantina di Carpi e Sorbara, Albinea Canali, Lombardini, Medici Ermete, Venturini Baldini, Cantina di Gualtieri, Pezzuoli, Cantina Settecani, Fattoria Moretto.

Ecco di seguito il calendario delle tappe in programma:

  • 18 aprile Torino – Palazzo Copernico Garibaldi, Corso Valdocco, 2
  • 8 maggio Palermo – Palazzo Branciforte, Largo Gae Aulenti, 2
  • 15 maggio Lecce – Patria Palace Hotel Lecce – HO Collection, Piazzetta Gabriele Riccardi, 13
  • 29 maggio Napoli – Reinassance Naples Hotel Mediterraneo, Via Ponte di Tappia, 25
  • 05 giugno Roma – Palazzo Brancaccio, Viale del Monte Oppio, 7

Tutte le informazioni sul tour e sulle modalità di accesso sono disponibili qui

Attività realizzata con il contributo del MASAF, ai sensi del decreto direttoriale n. 553922 del 28 ottobre 2022

Il Consorzio Tutela Lambrusco a Golosaria Wine & Food Emilia-Romagna con 10 aziende

Il Consorzio Tutela Lambrusco si prepara alla trasferta meneghina per prendere parte lunedì 17 aprile a Golosaria Wine & Food Emilia-Romagna, una kermesse tutta dedicata alle eccellenze della regione ospitata all’Hotel Melià in via Masaccio 19, a Milano.

All’appuntamento parteciperanno 10 aziende espositrici: Cantina Settecani, Cantina Sociale di Puianello e Coviolo, Cantina Ventiventi, Cantina di Carpi e Sorbara, Cantina di Santa Croce, Cantina Sociale Gualtieri, Cleto Chiarli tenute agricole, Paltrinieri, Tenuta Galvana Superiore, Venturini Baldini.

Oltre ad assaggiare le etichette dei produttori presenti, all’interno dello spazio Lab è in programma un calendario con due masterclass guidate da Paolo Massobrio e Marco Gatti dedicate agli operatori del settore che vogliono approfondire le peculiarità enologiche delle bollicine emiliane ed esplorare le 6 denominazioni nelle diverse tipologie produttive.

Tutte le informazioni sulla manifestazione e sulle modalità di accesso sono disponibili qui

Consorzio Tutela Lambrusco a Vinitaly con 15 aziende e tre masterclass

Il Consorzio Tutela Lambrusco si prepara a partecipare al Salone Internazionale dei vini e Distillati, la manifestazione in programma a Verona a partire da domenica 2 fino a mercoledì 5 aprile. Oltre ad assaggiare le novità delle aziende presenti, gli operatori del settore potranno conoscere i produttori in fiera e approfondire il Lambrusco nelle sue sfumature e interpretazioni grazie a tre diverse masterclass.

Il Consorzio avrà all’interno della manifestazione uno stand dedicato (numero B3-C3 all’interno del Padiglione 1 dedicato all’Emilia-Romagna). Qui ad esporre all’interno dello stand consortile saranno 15 produttori: Cantina di Santa Croce, Cantina Settecani, Cleto Chiarli, Quintopasso, Zanasi, Corte Manzini, Fattoria Moretto, Garuti, Tenuta Aljano, Tenuta Forcirola – Francesco Bellei & C., Tenuta Vandelli, Tenute Campana, Venturini Baldini, Vezzelli Francesco e Compagnia della Spergola. Altre cantine del territorio saranno presenti in fiera con uno stand autonomo, sempre nel Padiglione 1 ma anche in altri spazi della manifestazione. 

Per chi desidera poi approfondire il mondo Lambrusco e quello della Spergola, uva tipica del territorio reggiano sempre tutelata dal Consorzio, è in programma un calendario di masterclass nelle tre giornate, all’interno dell’area eventi del padiglione Emilia-Romagna:

  • Domenica 2 aprile ore 14.30: Sala Viticcio 

La Spergola tra immediatezza e longevità. 

Un viaggio tra le falde di gesso, i calanchi e i castelli matildici. 

Relatore: Filippo Bartolotta, assaggiatore professionista, wine educator e firma di riviste di settore italiane e internazionali. 

  • Lunedì 3 aprile ore 12.00: Sala Radice  – LINGUA INGLESE

Colors of Lambrusco: designations, varieties, areas, production methods

Relatore: Filippo Bartolotta, assaggiatore professionista, wine educator e firma di riviste di settore italiane e internazionali. 
Su invito

  • Martedì 4 aprile ore 11.00: Sala Radice – LINGUA INGLESE

Rediscovering Lambrusco. Terroirs, Styles, Savoir-Faire. 

Relatore: Gabriele Gorelli MW, primo Master of Wine italiano. 

Slow Wine Fair, 26-28 febbraio a Bologna

Il Consorzio Tutela Lambrusco sarà presente con un desk consortile negli spazi di Enoteca Regionale Emilia-Romagna. Presenti anche alcune cantine consorziate con un proprio spazio

La Slow Wine Fair, in programma presso Bolognafiere dal 26 al 28 febbraio, sarà un’ulteriore occasione per scoprire la frizzante energia del Lambrusco in tutte le sue versioni ed esplorare le 6 DOC nelle diverse tipologie produttive. Il Consorzio Tutela Lambrusco sarà presente alla manifestazione con una selezione di vini di alcune cantine associate, offerte in assaggio ai visitatori all’interno del desk consortile negli spazi di Enoteca Regionale Emilia-Romagna (Stand G 1-8, Pad.20).

Per chi desiderasse approfondire ampliando gli assaggi e dialogando direttamente con il produttore, sarà possibile incontrare le tante cantine del Consorzio presenti all’interno dei padiglioni con un proprio banco.

Cercale tra gli espositori della Slow Wine Fair, su:
https://slowinefair.slowfood.it/